Il regno del pianeta delle scimmie (2024)

Aperto da Sep, 01-Giugno, 2024 08:29:00

Discussione precedente - Discussione successiva

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questa discussione.

Sep

Un nuovo capitolo della saga de "Il Pianeta delle Scimmie" con un netto salto temporale in avanti



Sono passate generazioni dalla morte del primo leader delle scimmie senzienti, Cesare, e ora i primati hanno il controllo del mondo, ma non hanno sviluppato una società particolarmente evoluta. Noa vive infatti in una piccola comunità rurale, che usa come torri i tralicci dell'alta tensione ricoperti dalla vegetazione. La specializzazione del suo clan è addestrare aquile, di cui rubano le uova per crescerle in modo che rispondano al canto delle scimmie. Questa comunità viene razziata dal vicino regno di Proximus Caesar, che ha costruito una società militare e dittatoriale, grazie alle armi elettriche fornitegli da un umano suo prigioniero. Gli aggressori cercano una giovane donna, che troverà rifugio viaggiando insieme a Noa e al saggio orango Raka, custode delle antiche lezioni di Cesare...

************************************************************************************

Titolo originale...Kingdom of the Planet of the Apes
Paese di produzione...USA
Anno...2024
Durata...145 min
Genere...azione, fantascienza
Regia...Wes Ball
Soggetto...personaggi creati da Rick Jaffa e Amanda Silver
dalla premessa suggerita del romanzo Il pianeta delle scimmie di Pierre Boulle
storia di Patrick Aison, Josh Friedman, Rick Jaffa e Amanda Silver
Sceneggiatura...Josh Friedman
Produttore...Wes Ball, Rick Jaffa e Amanda Silver, Joe Hartwick Jr., Jason Reed
Casa di produzione...Oddball Entertainment, Jason T. Reed Productions, Disney Studios Australia, 20th Century Studios
Distribuzione in italiano...20th Century Studios
Fotografia...Gyula Pados
Montaggio...Dan Zimmerman
Effetti speciali...Erik Winquist
Musiche...John Paesano
Scenografia...Daniel T. Dorrance
Costumi...Mayes C. Rubeo
Trucco...Jennifer Lamphee


 

Owen Teague: Noa
Freya Allan: Mae / Nova
Kevin Durand: Proximus Cesare
Lydia Peckham: Soona
Peter Macon: Raka
Travis Jeffery: Anaya
William H. Macy: Trevathan
Neil Sandilands: Koro
Eka Darville: Sylva
Ras-Samuel Weld A'abzgi: Fulmine
Sara Wiseman: Dar
Dichen Lachman: Korina
Gregor Jordan: guardia di Proximus
Karin Konoval: Maurice


************************************************************************************

Sequel di "The War - Il Pianeta delle Scimmie" (2017).

L'eredita ideologica di Cesare grava su questo quarto capitolo (in realtà primo di una nuova trilogia), come la spada di Damocle, pronta a stroncare  il potere costruito dal nuovo imperatore Proximus, avido dei segreti e della saggezza degli umani, e deciso a tutto, anche a schiavizzare e sacrificare altre scimmie per soddisfarre la propria brama di potere.

In questa storia di soprusi fra simili, appare evidente come i primati non abbiano imparato nulla dagli errori degli umani, ora reietti neanche in grado di parlare e  relegati praticamente all'ultimo gradino della scala evolutiva.
Noah, del clan degli addestratori delle aquile , si trova suo malgrado a dover liberare la propria tribù schiava del giogo crudele delle milizie del nuovo tiranno. Nel farlo, affronterà un lungo viaggio pieno di insidie, e dovrà fidarsi di una umana, la misteriosa Moe.
Calato in una natura selvaggia ed ostile che allontana volutamente ogni possibile punto di contatto con gli esseri umani, "Il regno del pianeta delle scimmie" è interessante  per come riflette sull'eredità della precedente e riuscita  trilogia tentando di costruire un ponte di memorie fra generazioni vecchie e nuove: il ricordo di un idea diviene un sentimento che spinge all'azione.

La mancanza di fatto di un leader come Cesare si sente , ed ha gettato le scimmie nel caos e nella disunione, annullando ogni possibile tentativo di far pace con quel che rimane degli esseri umani, la cui natura ambigua assume nel film le fattezze dell'unica protagonista di carne , e che è certamente un elemento interessante del film. Un altra novità  è il connubio fra razze animali, in questo caso scimmie ed aquile, legame soprattutto simbolico che vuol dire appartenenza ed unione, una quasi osmosi fra le scimmie ed il pianeta con le sue creature, che aggiunge spettacolo ed epica al film.

Un opera  più riflessiva e meditativa di quanto ci si potesse aspettare, e che per questo presta il fianco a qualche lentezza, soprattutto nella fase centrale. Opera che qualcosina aggiunge al filone:   gli umani non sono più soltanto da uccidere o schiavizzare come nei precedenti capitoli, ma si possono sfruttare per carpirne la conoscenza. Ma il film è anche capace di ampi e spettacolari squarci di  meraviglia, come il digitale che caratterizza i protagonisti, o la fortezza bunker di Proximus costruita fra le onde del mare, una dimora atavica ed inaccessibile, casa di un dittatore folle e spaventoso, più del 'Kurtz' interpretato da Woody Harrelson nel precedente film.




Il.Regno.Del.Pianeta.Delle.Scimmie.2024.iTALiAN.MD.TS.V1.XviD      1,94GB

  •