Il tatuatore di Auschwitz (2024)

Aperto da Sep, 28-Maggio, 2024 08:57:01

Discussione precedente - Discussione successiva

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questa discussione.

Sep

Serie tratta dal bestseller "The Tattooist of Auschwitz" di Heather Morris



Basata sul bestseller di Heather Morris, la serie racconta la vera storia di Lali, un ebreo slovacco deportato nel 1942 nel campo di concentramento nazista di Auschwitz II-Birkenau. Nel campo, Lali (interpretato da Jonah Hauer-King da giovane e da Harvey Keitel come ottantenne) viene incaricato di marchiare i prigionieri coi numeri di identificazione. Durante questa attività, incontra Gita (Anna Próchniak), un'altra detenuta, e i due si innamorano a prima vista. Nonostante la sorveglianza dell'ufficiale delle SS Baretzki (Jonas Nay), Lali e Gita cercano di sostenersi e proteggersi a vicenda. Decenni dopo, Lali, ormai ottantenne e vedovo, incontra Heather Morris (Melanie Lynskey), una scrittrice esordiente a cui racconta la sua storia d'amore con Gita, rivivendo il passato nel campo...

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Titolo originale...The Tattooist of Auschwitz
Paese...Regno Unito
Anno...2024
Formato...miniserie TV
Genere...drammatico, sentimentale, storico
Puntate...6
Durata...50-55 min (puntata)
Regia...Tali Shalom Ezer
Soggetto...Il tatuatore di Auschwitz di Heather Morris
Sceneggiatura...Jacquelin Perske, Gabbie Asher, Evan Placey
Produttore...Claire Mundell, Brian Donovan
Casa di produzione...Synchronicity Films, Sky Studios
Fotografia...David Katznelson
Montaggio...Nili Feller, Berny McGurk, Joe Sawyer
Musiche...Hans Zimmer, Kara Talve
Scenografia...Stevie Herbert
Costumi...Ján Kocman


 

Jonah Hauer-King: Lali Sokolov
Melanie Lynskey: Heather Morris
Anna Próchniak: Gita Furmanova
Jonas Nay: Stefan Baretzki
Harvey Keitel: Lali Sokolov (anziano)
Tallulah Haddon:  Hanna
Mili Eshet:  Ivana
Maja Wolska:  Bella
Avital Lvova:  Marta
Yali Topol Margalith:  Cilka
Phénix Brossard:  Leon
Adam Karst:  Pepan
Yoav Rotman:  Mordowicz
Frederik von Lüttichau:  Houstek
Alexander Schuster: Stiwitz


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

«Questa è una storia d'amore». Così esordisce Lali Sokolov, interpretato da un ottantenne e magistrale Harvey Keitel, iniziando la sua, a tratti grottesca, intervista con un'infermiera e aspirante scrittrice neozelandese, Heather Morris - reale autrice del bestseller da cui è tratta la nuova serie Sky.

Il tatuatore di Auschwitz nasce da una co-produzione tra Italia, Australia, Stati Uniti e Regno Unito; prodotta da Synchronicity Films e Sky Studios, la serie è - ebbene sì - una vera storia d'amore, se non fosse che a farle da sfondo vi sia la più oscura atmosfera immaginabile: quella del peggior campo di sterminio nazista.

Il tatuatore di Auschwitz pose subito dubbi, sin dalla sua prima pubblicazione, in quanto affrontò gli orrori dell'Olocausto attraverso la lente dell'amore e della sopravvivenza. Il testo, e di conseguenza la serie, solleva soprattutto questioni sulla capacità della finzione di rappresentare adeguatamente un evento storico così atroce. Molte sono state, non a caso, le critiche al testo di Morris - edito nel 2018 e basato su un rapporto personale con il sopravvissuto dal 2003 fino alla sua morte nel 2006 - fondamentalmente incentrate sull'inesattezza di alcuni dati storici e soprattutto sulla liceità di romanzare un evento così complesso e oscuro, semplificandone la portata. Ciononostante, la serie - così come prima il testo - è estremamente efficace nel riportare e nel trasmettere il dramma di alcune delle peggiori atrocità subite dai detenuti nel campo.

La serie intreccia due narrazioni: la prima è quella del passato drammatico di Ludwig 'Lali' Eisenberg (Jonah Hauer-King), un giovane ebreo slovacco mandato nel campo di sterminio di Auschwitz II-Birkenau, e il suo racconto di quegli eventi a un'aspirante scrittrice, Heather Morris (Melanie Lynskey), nell'Australia dei primi anni Duemila. Il cupo compito di Lali ad Auschwitz è tatuare i numeri identificativi sulle braccia dei prigionieri. Tra questi c'è Gita Furman, di cui si innamora perdutamente. La loro storia d'amore, coltivata all'ombra della morte e della brutalità costante, diventa per loro un faro di speranza in mezzo a sofferenze inimmaginabili - vengono raccontati gli orrori nel campo, gli omicidi, gli esperimenti clinici; si intrecciano le storie di più gruppi brutalizzati, dai Rom agli omosessuali, alle donne incinte.

Il lavoro di Lali offre a questa coppia, innamorata 'assurdamente' in un simile contesto, alcuni vantaggi e l'ufficiale delle SS Stefan Baretzki assicura loro una certa protezione. Nonostante la presenza di una crudeltà indicibile, i due riescono a mantenere la speranza e a sopravvivere.




Episodio 1        488MB

Episodio 2        461MB

Episodio 3        481MB

Episodio 4        448MB

Episodio 5        478MB

Episodio 6        519MB


  •